UN PO' DI STORIA

maggio 15, 2019


Sin dall’inizio Roma è sempre stata divisa in “regiones” che evidenziavano  le diverse zone del centro storico. In origine erano solo quattro:

·         Regio I          Suburana
·         Regio II         Esquilina
·         Regio III        Collina
·         Regio IV        Palatina

Sotto il primo imperatore romano, Ottaviano Augusto, le regiones diventarono quattordici e comprendevano territori che si trovavano anche al di fuori delle mura serviane.
Occorreranno però altri tre secoli, affinchè vengano costruite delle nuove mura: quelle Aureliane.
Il termine “rione” deriva dalla corruzione in romanesco del termine latino, ed è utilizzato sin dal Medioevo.
L’ordinamento dei rioni cambia spesse volte nel corso dei vari secoli del Medioevo, sia per quanto riguarda il numero che per i confini. Nel 1743 papa Benedetto XIV Lambertini riorganizzò i quattordici rioni, stabilendone i confini mediante l’affissione delle cosiddette “lapidi confinarie”, cioè targhe di marmo intagliate con gli stemmi rionali, ancora visibili agli angoli delle strade. Durante l’occupazione francese, tutte le targhe rionali furono rimosse, i Rioni cambiarono nome e numero divenendo undici “sezioni”.
Terminata l’occupazione, nel 1814, le targhe furono di nuovo collocate nelle vie e fu ripristinata l’antica suddivisione in quattordici rioni, con i loro confini originali, che da allora non sono stati più cambiati.
Dopo la caduta dello Stato Pontificio, nel 1870, i Rioni furono raggruppati in distretti più ampi, ai quali fu di nuovo dato il nome di “Regioni”:

·         Regione I       Campidoglio
·         Regione II      Pantheon
·         Regione III     Campo Marzio
·         Regione IV     Adriana
·         Regione V       Tiberina

Ma anche questa suddivisione durò poco: ben presto i Rioni tornarono ad essere quattordici.

Fra il XIX e XX secolo nacquero nuovi rioni, alcuni dalla divisione di quelli già esistenti come Esquilino (che era parte di Monti) o i Rioni Sallustiano e Ludovisi (che rispettivamente appartenevano a Trevi e Colonna. Nel 1921 si formò Castro Pretorio, e da Ripa si staccarono Testaccio e San Saba. Infine l’ultima zona ad essere denominata Rione, l’unica al di fuori delle Mura Aureliane, è Prati.

Dopo Prati, la città moderna è stata divisa in quartieri, suburbi e zone di periferia.

You Might Also Like

0 commenti

POST POPOLARI