Carciofi alla romana

novembre 14, 2019



La cucina romana tradizionale ha una lunga storia e si fonda su ingredienti di origine rurale e contadina, conservando sapori del passato in ricette spesso tramandate di generazione in generazione in ambito familiare. Uno dei piatti tipici della tradizione romanesca è il carciofo alla romana. Questo ortaggio, conosciuto fin dall'antichità, ha importantissime proprietà benefiche e medicinali. Il suo uso è attestato fin dagli antichi Egizi, ma lo consumavano molto anche Etruschi, Greci e Romani.

<><><><><><><><>

Ingredienti: 

Carciofi 
olio evo
sale e pepe
prezzemolo
mentuccia
aglio
vino bianco
limoni

Togliete le foglie dure esterne del carciofo fino a che non si raggiungono quelle morbide. Tagliate le punte delle foglie restanti e pulite il gambo lasciandone 5 cm. Man mano che pulite i carciofi immergeteli in acqua acidulata con il limone, affinché non diventino scuri. Quando avrete pulito tutti i carciofi, scolateli e asciugateli; aiutandovi con un cucchiaino allargate delicatamente le foglie e riempiteli con un miscuglio formato da un trito di aglio, prezzemolo, mentuccia, olio, sale e pepe. Inserite i carciofi capovolti (gambo rivolto verso l’alto) in un tegame alto, non troppo largo: devono rimanere stretti e bene attaccati l’uno all'altro e dovranno essere coperti di liquido quasi fino al gambo (la giusta proporzione è una parte di olio, una parte di acqua e una parte di vino bianco). Mettete per primo l’olio a scaldare, posizionare i carciofi, aggiustare di sale e pepe, e fate rosolare per qualche minuto, aggiungete acqua e vino, coprite e fate cuocere a fuoco moderato, fin quando, inserendo i rebbi di una forchetta, il carciofo non risulti morbido. Se risulta troppo liquido, scoprite e fate asciugare a fuoco vivace ancora per qualche minuto.

You Might Also Like

0 commenti

POST POPOLARI